fbpx

Progetto di giardinaggio a scuola: incontri tra educazione e natura

Progetto di giardinaggio nell'orto botanico della scuola

Il progetto di giardinaggio supportato da Adriatica Oli SB ha coinvolto i ragazzi della classe di sostegno dell’Istituto superiore “Bonifazi-Corridoni” di Civitanova Marche, promuovendo la sostenibilità ambientale e l’educazione attraverso l’iniziativa Amicambiente coordinata da GoodCom SB.

Un progetto di giardinaggio di ampio respiro

Attraverso Amicambiente, Adriatica Oli SB ha dato vita a un’iniziativa educativa di grande valore e di ampio respiro che si è svolta dal 2 febbraio al 10 maggio. L’obiettivo principale è stato quello di insegnare ai giovani a conoscere e apprezzare l’ambiente naturale. La classe di sostegno dell’istituto “Bonifazi-Corridoni” ha partecipato attivamente a una serie di incontri di giardinaggio, scoprendo il mondo delle piante e l’importanza della biodiversità.

Educazione ambientale: la guida di Martina Zura Puntaroni

Martina Zura Puntaroni, guida ambientale escursionistica ed esperta di etnobotanica, ha condotto sei incontri coinvolgenti con gli studenti. Durante questi incontri, i ragazzi hanno esplorato temi fondamentali come la biodiversità e gli usi tradizionali delle piante. Le attività pratiche hanno incluso la raccolta di erbe spontanee lungo la pista ciclopedonale, la loro catalogazione, la realizzazione di vasche di semina e la messa a dimora di ortaggi e piante aromatiche.

Attività pratiche: dal campo alla classe

Le attività pratiche svolte durante il progetto hanno offerto ai ragazzi la possibilità di lavorare direttamente con le piante, scoprendo la gioia di stare all’aria aperta e la soddisfazione di realizzare qualcosa con le proprie mani. Hanno estirpato erbe infestanti nell’orto didattico e creato coroncine primaverili con potature di ulivo, nastrini colorati e fiori di campo. Questi incontri non solo hanno migliorato le loro competenze pratiche e la loro manualità, ma hanno anche fatto crescere il loro amore per la natura.

Conclusione del progetto di giardinaggio: conferenza in aula magna

Il progetto si è concluso il 10 maggio con una conferenza in aula magna. Durante l’evento, sono stati presentati i risultati raggiunti e l’importanza di imparare attraverso esperienze concrete. Elena Capozucca, Project Manager di GoodCom SB, e Tommaso D’Angelo, Responsabile innovazione e sviluppo di Adriatica Oli SB, hanno parlato ai ragazzi dell’importanza della sostenibilità e della trasformazione dell’olio vegetale esausto in biodiesel, una risorsa energetica sostenibile.

Riflessioni e ringraziamenti

Adriatica Oli SB desidera ringraziare l’istituto “Bonifazi-Corridoni”, i suoi insegnanti di sostegno e gli assistenti all’autonomia per aver reso possibile questa splendida occasione di crescita e apprendimento. Questo progetto ha saputo coniugare la dimensione ambientale della sostenibilità con quella sociale, offrendo una profonda soddisfazione a tutti i partecipanti. Come diceva Giulia Maria Crespi, fondatrice del FAI: “Si protegge ciò che si ama, si ama ciò che si conosce.” Ed è imparando a conoscere la natura che si può iniziare ad amarla veramente.

Il ruolo di Adriatica Oli SB nel territorio

Adriatica Oli SB è un’azienda chiave per la comunità locale, sia dal punto di vista economico che della sostenibilità. Il progetto Amicambiente è solo uno degli esempi del nostro impegno nella promozione di pratiche sostenibili. La raccolta e il trattamento degli oli vegetali esausti, trasformati in biodiesel, rappresentano un modello di economia circolare che riduce le emissioni di CO2 e contribuisce alla protezione dell’ambiente.

Un futuro sostenibile attraverso l’educazione

Il progetto di giardinaggio dell’istituto “Bonifazi-Corridoni” ha dimostrato come l’educazione ambientale possa avere un impatto significativo sulla sostenibilità. Coinvolgendo i giovani in attività pratiche e educative, Adriatica Oli SB ha creato un’opportunità unica per insegnare l’importanza di proteggere e amare il nostro pianeta. Questo progetto non solo ha arricchito la vita degli studenti, ma ha anche promosso una cultura di sostenibilità che continuerà a crescere nel tempo.